«

»

mar 29 2011

Aho è arivata ‘a primavera

FacebookTwitterGoogle+Printcondividi

(21.03.11) Aho è arivata ‘a primavera e de quassù co’ sto venticello

che me spettina la chioma m’ariveno ‘gni tanto voci e cori

della ggente che sta sotto

Chi s’attrezza, chi s’engegna, chi protesta,

chi commanna

‘nzomma ‘na gran cuccagna pe’ chi vo’ fa la festa

e coce la castagna

Pe stavolta nun m’hanno più segato, e più li guardo più me piace

ma anco più li guardo e più m’ncazzo

Nun m’hanno più segato, ma sta attenta Roma che forze t’hanno cojonato

Ariveno strane voci sino in cima, sino alla chioma

Portate dal venticello della mia amata Roma:

io t’autorizzo, tu me scuci cento – oh tutto in regola s’intende –

perché i cento che me dai, io padrone der mazzo,

li uso pe de li cittadini il gran sollazzo

Ma  sotto ecco monta la protesta … che mal de testa

So sinceri co’ tutti sti colori, so bianchi,

so rossi, so puro neri

Sai che fa er padrone der mazzo? e pe questo io m’ncazzo

Mo’ je dice, a vedi tutta sta caciara?

Tocca bloccà tutto che sinnò arriva ‘a rivoluzzione,

arriva a tutta callara, la senti è già nell’aria

Io t’autorizzo, io te disautorizzo, perché er mazzo ce l‘ho io

Perché voi ce lo sapete, Io so io e voi nun sete ‘n cazzo

E lui, quello dei cento, tutto bello incravattato, sbuffa, strilla

E poi s’ncazza … e dice al padrone der mazzo

“mo te cito ner giudizio, pe’ danni seri e prolungati, mazza quanti guai

Cento t’ho donato? E cento  vorte tanto me darai”

E così alla fine della fiera

a sta bella gente, chi raggiona, chi s’arabbia

so dolci, belli, so gente anche sincera

che rimane tra le mano, uno, due, granelli de sola sabbia?

nun je da retta Roma che t’hanno cojonato

tutti sti sordi stanno nelle casse der padrone der mazzo

ma quale mazzo, ma cazzo, quello delle tre carte

carta vince carta perde

fatela finita de scannavve tra de voi

e chiudete la stalla prima che se ne vanno sti cornuti de li buoi

ads by epas4.net: Vola air berlin

Dettagli sull'autore

admin

admin di marconivideodem