«

»

mar 04 2014

Non rimanere di sasso, chiama la Polizia

FacebookTwitterGoogle+Printcondividi

RomaToday ci segnala l’ennesimo tentativo di truffa dello specchietto, questa volta tentata e non riuscita su Via Oderisi da Gubbio 62.

Riteniamo utli proporvi, oltre all’articolo di Roma Today che leggerete più avanti, anche il commento del presidente nazionale dell’associazione CODICI (tra l’altro l’associazione ha sede in via Einstein 34 (qui il link)

“Occhi aperti, quindi, automobilisti  – commenta Ivano Giacomelli, segretario nazionale del Codici –   i truffatori potrebbero essere di entrambi i sessi, italiani come stranieri. Se avete sentore di essere incappati in una truffa, vi consigliamo di prendere la targa dell’altra auto, di non scendere dalla vostra e, se proprio dovete, di insistere con la compilazione del CID. Questa tipologia di truffa può accadere in qualsiasi ora e in qualsiasi luogo ma, per ovvi motivi, i truffatori agiscono prettamente di sera e in luoghi isolati”.
Visto che si possono rischiare anche rapine o aggressioni, il CODICI raccomanda la massima prudenza e, se avete dubbi, di allertare le Forze dell’Ordine.

Questo l’articolo di Roma Today

Marconi: truffa dello specchietto in via Oderisi da Gubbio
Piccoli sassi lanciati contro le auto prese di mira per dar vita alla cosiddetta ‘Truffa dello Specchietto‘. L’ennesimo tentativo, sventato dagli agenti del commissariato San Paolo, diretti dal dottor Filiberto Mastrapasqua, la scorsa notte quando i poliziotti hanno denunciato in stato di libertà due persone con numerosi precedenti penali che hanno tentato il raggiro ai danni di un ignaro automobilista.

COLPO IN VIA ODERISI DA GUBBIO - I due malviventi, già noti alle forze dell’ordine, a bordo della loro autovettura di proprietà di una terza persona, hanno avvicinato il malcapitato in via Oderisi da Gubbio, zona Marconi, procurando un forte rumore sulla carrozzeria fingendo un fantomatico sinistro stradale, a seguito del quale hanno preteso, a titolo di risarcimento, un corrispettivo in denaro dall’altro automobilista, accusato dell’urto.

LITE PER LA VIABILITA’ - Però mentre i malfattori erano impegnati con la loro messa in scena sono stati individuati dall’autoradio del Commissariato. Agli agenti è bastato qualche istante per accertare la situazione, che da una semplice lite in strada per motivi di viabilità è poi risultata essere un tentativo di truffa con un metodo ormai noto ai poliziotti.

SASSI CONTRO L’AUTO – Infatti i due delinquenti, accostandosi alla vettura del malcapitato avevano lanciato piccoli sassi contro la carrozzeria dell’auto, provocando per questo un forte rumore per poi contestare successivamente il danno sulla propria autovettura. Altri sassi sono stati poi rinvenuti all’interno dell’auto usata per il raggiro e sottoposti a sequestro.

DENUNCIATI PER TRUFFA - Così i due, che circolavano senza copertura assicurativa e con un tasso alcolico superiore a quello consentito, sono stati al momento denunciati per tentata truffa aggravata, ma ulteriori accertamenti sono in corso da parte degli investigatori.

 

ads by epas4.net: Vola air berlin

Dettagli sull'autore

admin

admin di marconivideodem