«

»

set 27 2010

Raccolta indifferenziata. Di firme.

FacebookTwitterGoogle+Printcondividi

(27.09.10) Marconivideodem ha trattato più volte il tema della raccolta differenziata e le modalità con cui questa è stata avviata a Marconi, uno dei quartieri del Municipio XV ad alta densità abitativa.

A luglio e settembre  l’AMA ha organizzato due assemblee pubbliche per spiegare e cercare di convincere i cittadini di Marconi della bontà del progetto.

Sarà che a Marconi sono smaliziati e vogliono fatti concreti ma nelle due assemblee (Marconivideodem  era presente a tutte e due le assemblee, quella della parrocchia del Gesù Divin Lavoratore, che si è tenuta a luglio e quella della scuola Pascoli, a settembre) i cittadini hanno tempestato di domande e richieste l’ingegnere inviato dall’AMA che, pur con una buona dose di pazienza e affabilità, non è riuscito a convincere i cittadini di Marconi.

Nel bel racconto che Marconivideodem ha pubblicato con il titolo “La raccolta del viandante” sono portati all’attenzione del lettore alcuni dei motivi per cui i cittadini – che osservano, valutano, confrontano – hanno iniziato a dar fiducia a quelle iniziative che raccolgono la loro voce e la amplificano.

un momento della raccolta firme

E questo è quanto ci riporta Carla Boto domenica mattina, davanti ai giardini di via Blaserna, quando ci parla del buon successo che ha avuto l’avvio della petizione popolare con cui il PD Marconi – raccogliendo disagi e proposte – vuole migliorare le modalità di raccolta della differenziata a Marconi.

“Noi di Marconi lavoriamo così, vicini ai cittadini, senza troppe chiacchiere ma rispettando il dibattito e le opinioni. Forse è per questo che alla prima uscita pubblica su strada per migliorare il servizio di raccolta differenziata abbiamo raggiunto le 150 firme. Grazie ai cittadini che si sono fermati a firmare o ci hanno [inviato email e fax] o stanno firmando la [petizione online]

Con una punta di  orgoglio il coordinatore del PD Marconi, Carla Boto,  ci ha anche evidenziato come – in un periodo in cui tutti sono portati a strillare a vuoto, ad abbaiare alla luna – poi fattivamente sul campo, su strada, a confronto con i cittadini c’è  il PD, i suoi circoli territoriali romani, come il circolo Marconi in questo caso.

“Grazie ai nostri indomabili militanti e simpatizzanti di Marconi che si sono mobilitati questa mattina al giardino di via Blaserna.  Ora andiamo avanti”

Anche dal lato delle istituzioni qualcosa si muove, è quanto ci racconta Serena Colonna –  consigliere PD al municipio XV – che evidenzia come l’intera (dis)organizzazione del servizio del’AMA sia stata decisa in solitudine, senza il coinvolgimento del Municipio. E in questa separazione, osserva Serena Colonna:

“Il Comune di Roma continua a parlare di raccolta “porta a porta”. Ma in realtà sono i cittadini che devono recarsi ai punti di raccolta, ad orari definiti, la mattina presto. In inverno, con il freddo e il cattivo tempo come faranno i nostri cittadini, soprattutto quelli più anziani a buttare l’immondizia?”

Insomma, la raccolta delle firme è un modo per raccogliere forza per modificare e migliorare un servizio la cui positiva finalità è riconosciuta da tutti. E tutti si fermano, anche di diverse opinioni politiche, perchè riconoscono il valore dell’iniziativa.

(epas)

ads by epas4.net: Vola air berlin

Dettagli sull'autore

epas

Enrico Pasini ideatore ed animatore di MarconiVideoDem, ama fotografare, viaggiare e curiosare.